7 febbraio 2019

Conosciamo il Cheratocono: sintomi, cause e soluzioni

La moderna chirurgia consente di intervenire in maniera minimamente invasiva

La vista è sfuocata soprattutto guardando lontano. Poi la qualità dell’immagine peggiora e compare la percezione di una sbavatura, di una distorsione, soprattutto di notte, con aloni e visioni oblunghe delle luci. I principali sintomi della patologia del cheratocono sono molto simili a quelli dell’astigmatismo.

Il cheratocono è una malattia degenerativa non infiammatoria della cornea caratterizzata da un progressivo assottigliamento dello stroma centrale e paracentrale e da uno sfiancamento conico del profilo corneale che provocano l’insorgenza di un astigmatismo miopico irregolare.

Spesso colpisce entrambi gli occhi (90%-95% dei casi) ma si manifesta in tempi diversi tanto che inizialmente soltanto un occhio è interessato dalla malattia.

Inizialmente i difetti possono essere correggibili con gli occhiali. Quando la deformazione progredisce si assiste a un incremento dell’astigmatismo e si deve ricorrere a lenti a contatto specifiche, rigide o semirigide.

Le lenti a contatto sono un valido sistema di controllo dello sfiancamento corneale ma devono essere usate sotto continuo monitoraggio da parte dell’oculista.

Per prevenire l’evoluzione, correggere il difetto e curare la patologia oggi gli avanzamenti della tecnica permettono di intervenire in maniera minimamente invasiva.

Gli interventi.

«Il cross-linking (Cxl) è una terapia innovativa del cheratocono - spiega il dottor Emanuele Scuri di Star 9000 Centro di Chirurgia Laser con sede a Brescia - che utilizza la Riboflavina, nota come Vitamina B2, per creare una reazione chimica all’interno dello stroma corneale. Questa reazione è provocata dalla luce ultravioletta emessa da una lampada appositamente studiata per questo scopo».

La reazione chimica del cross-linking provoca un moltiplicarsi di legami tra le fibre collagene che si trasformano diventando più spesse, più ordinate e più resistenti a stimoli meccanici e chimici. Ciò comporta una stabilizzazione della cornea che ferma lo sfiancamento e previene la degenerazione nella patologia.

La recente ricerca scientifica si è indirizzata verso un’ulteriore efficacia e sicurezza della procedura di cross-linking mediante la iontoforesi, che è in grado di garantire sia un più rapido passaggio che una maggiore uniformità e distribuzione della riboflavina all’interno della cornea senza rimozione dell’epitelio corneale come avviene per la tecnica standard e rende pressoché indolore il post-operatorio.

Il cross-linking non è una tecnica “refrattiva”, ovvero con l’obiettivo di correggere i difetti della vista, anche se alcuni pazienti manifestano, a distanza di pochi mesi, una vista “migliore”. Infatti, in quasi tutti i casi, si assiste anche una lieve regolarizzazione dell’astigmatismo che si traduce con un lieve miglioramento della vista e una lieve riduzione della miopia.

In alternativa o in combinazione al Cross-Liking è possibile impiantare gli anelli intrastromali, Intacs, due piccoli inserti semicircolari che vengono inseriti nella cornea per renderla più sferica e robusta con un conseguente miglioramento della visione.

«Fino a qualche tempo fa la tecnica chirurgica prevedeva l’uso di uno strumento manuale meccanico invasivo. Oggi grazie all’innovazione tecnologica possiamo effettuare l’intervento con il laser a Femtosecondi che garantisce un’operazione molto più rapida, precisa e sicura. L’intervento è ambulatoriale e dura 30 minuti con risultati subito riscontrabili: una vista nitida già nelle primissime ore dopo l’operazione».

La tecnica degli anelli può essere combinata con il cross-linking a distanza di qualche mese con numerosi ed evidenti vantaggi.

Assai raro nell’infanzia, il cheratocono si manifesta in genere nel periodo della pubertà (tra i 12 e i 15 anni), ma sono descritti casi con insorgenza dai 7 anni. La forma è spesso evolutiva fino ai 25-30 anni e tende a stabilizzarsi dopo i 35-40 anni. Studi clinici testimoniano che la progressione del cheratocono prescinde da particolari condizioni cliniche oculari ed è imprevedibile. Per quanto riguarda i principali sintomi iniziali, possono essere analoghi a quelli riscontrati nell’astigmatismo. Il fatto che questa patologia sia presente spesso in più membri della stessa famiglia fa pensare ad un forte ruolo della genetica.

PER SAPERNE DI PIÙ


Per approfondire i temi affrontati in questo articolo

Credits: OZOTO snc - powered by (ORBITA)